In caricamento...

Data is the new oil. Big data in Italia

Su 184 aziende intervistate circa il 76% sostiene di far uso di strategie di “basic analytics”
Chi li utilizza cerca di anticipare i trend del mercato avvalendosi di specialisti per implementare una strategia social oriented.

22/06/2017
Big Data Brescia

Da una recente intervista dell’Osservatorio del Politecnico di Milano su 184 aziende intervistate circa il 76% sostiene di far uso di strategie di “basic analytics”, il 36% di sistemi avanzati per l’analisi predittiva. Chi utilizza questi ultimi cerca di anticipare i trend del mercato avvalendosi di specialisti dei Big data per implementare una strategia social oriented.

Ma che cosa sono i Big data?

PA, imprese ed organizzazioni si stanno preparando a cogliere l’opportunità che la sharing economy fornisce creando vantaggio competitivo con gli open data. Di cosa stiamo parlando? Chi frequenta giornali online, rubriche di tecnologia (nova.ilsole24ore.com) oppure opera nel campo del marketing conosce già tutte le possibili implicazioni del nuovo oro nero. 
I Big data non sono altro che una mole immensa di dati non omogenei articolati in strutture complesse: secondo il paradigma del web 2.0 possono essere costituiti da testo, immagini, coordinate geografiche e tutta una serie di informazioni raccolte da un'infinità di fonti quali uffici di statistica, social network, webcam ed amministrazioni pubbliche. Un elenco completo dei loro usi è difficilmente identificabile, passando dal sentiment degli account Twitter degli operatori di borsa, all’incidenza delle malattie in un dato periodo dell’anno.
 
Made in Italy

Ma come è la situazione in Italia? Fino ad oggi l’utilizzo dei big data non ha impattato in maniera significativa nell’ambito pubblico, mentre nel privato ha avuto un enorme successo. Il bel paese rimane fanalino di coda, circa al 20esimo posto su 28 paesi europei per la valorizzazione degli dati. Buone speranze giungono da alcuni comuni virtuosi come il caso di Biella che dal 4 Luglio 2016 ha messo a disposizione nel nuovo sito web comune.biella.it/web dati e documenti pubblici tramite il formato “open by default” che faciliterebbe l’accesso ai dati stessi.

Big Data Brescia
 
 
Nuove Figure Professionali

Anche sul fronte universitario si stanno creando i primi percorsi di laurea e master dedicati, come il percorso dell’università statale di Bologna (bbs.unibo.it/hp/master-fulltime/data-science). 
 
Visioni

All’estero c’è chi ha creato grandi business attorno al fenomeno Big data. Singapore, città stato indipendente nel territorio della Malesia ne ha fatto il paradigma di sviluppo. L’organizzazione statale utilizza i dati provenienti dai social network e li “utilizza per il bene dei cittadini” come riporta a caratteri cubitali un’esposizione nel marina bay sand, famoso hotel di Singapore. Qui la vita sociale e politica è determinata dal web, dalle telecamere disseminate ovunque, dai sensori, da smartphone e Ipad. L’analisi dei questi dati orienta l’educazione, il merito scolastico e lavorativo con l’obiettivo di costruire “una società perfetta”; la questione meno in evidenza è la perdita assoluta di privacy tanto cara in occidente. Sembra non troppo importante per i cittadini del luogo perché compensata con un altissimo tasso di felicità e di benessere. Molti scommettono nella vittoria di questo modello, altri, forse più saggi, in un modello più saldamente radicato alla democrazia e alla libertà dell’individuo. 
 

See related on FB