In caricamento...

News

“Essere sempre tra i primi e sapere, ecco ciò che conta”
Non solo news dal mondo Vittoria ma storie di branding, marketing e comunicazione online e offline.

wired.it - 1 giorno 22 ore fa

Tra i buoni motivi per combattere il cambiamento climatico ci sono anche le sculture di neve e di ghiaccio. In molti luoghi del mondo, nel cuore dell’inverno autentiche città sorgono per stupire i visitatori e molti appuntamenti, come la Snow Sculpture Art Exposition di Harbin, sono ormai noti anche su scala globale.

Molto spesso, queste esposizioni replicano monumenti e icone che conosciamo ma, come dimostrano le immagini di questa gallery, non ci sono limiti alla fantasia e alla monumentalità. L’importante insomma è che le temperature si mantengano costanti, per prolungare lo spettacolo.

Ecco quindi una gallery delle più belle sculture di neve e di ghiaccio ammirate nel mondo negli ultimi anni; potete magari provare a replicare su piccola scala, ma occhio alla motosega se cercate di modellare il ghiaccio.

The post Le più belle sculture di neve e di ghiaccio appeared first on Wired.

wired.it - 1 giorno 22 ore fa

Le immagini choc sui pacchetti di sigarette, affiancate a frasi altrettanto terrificanti, potrebbero poi non essere così efficaci. Soprattutto per quanto riguarda gli adolescenti. Secondo le norme americane, così come quelle europee, queste immagini, che raffigurano parti del corpo di persone danneggiate dalle sigarette, dovrebbero mirare a sensibilizzare le persone sulla pericolosità del fumo. E invece, sembrerebbero avere un effetto contrario, almeno su alcuni ragazzi, aumentandone la propensione al fumo. A suggerirlo sono i risultati di una nuova ricerca della statunitense Rand Corporation, apparsa sulle pagine della rivista Nicotine & Tobacco Research.

(ATTENZIONE, ALCUNE IMMAGINI SONO MOLTO FORTI)

var galleryContent5a347d7007196 = { "ID": "198297", "title": "Le immagini sui pacchetti di sigarette non spingerebbero a non fumare", "next_gallery_id": -1, "post_url": "https://www.wired.it/scienza/lab/2017/12/15/immagini-pacchetti-sigarette-effetto-contrario/", "next_post_id": null, "is_ring": false, "type": "", "type_code": "", "images": [{ "ID":"102557", "title": "Attacchi cardiaci", "short_description": "", "long_description": "", "type": "Generica", "big_image_path": "https://images.wired.it/wp-content/uploads/2015/10/1444813624_1.jpg", "mid_image_path": "https://images.wired.it/wp-content/uploads/2015/10/1444813624_1.jpg", "thumb_image_path": "https://images.wired.it/wp-content/uploads/2015/10/1444813624_1.jpg", "is_video": false, "video_reference_id": null, "meta": { "links": { "gallery": "" } }, "photographer": "", "url_bollino": null, "orientation": "", "price": null },{ "ID":"102558", "title": "Le cattive abitudini si imparano presto", "short_description": "", "long_description": "", "type": "Generica", "big_image_path": "https://images.wired.it/wp-content/uploads/2015/10/1444813638_2.jpg", "mid_image_path": "https://images.wired.it/wp-content/uploads/2015/10/1444813638_2.jpg", "thumb_image_path": "https://images.wired.it/wp-content/uploads/2015/10/1444813638_2.jpg", "is_video": false, "video_reference_id": null, "meta": { "links": { "gallery": "" } }, "photographer": "", "url_bollino": null, "orientation": "", "price": null },{ "ID":"102559", "title": "Danni al feto", "short_description": "", "long_description": "", "type": "Generica", "big_image_path": "https://images.wired.it/wp-content/uploads/2015/10/1444813647_3.jpg", "mid_image_path": "https://images.wired.it/wp-content/uploads/2015/10/1444813647_3.jpg", "thumb_image_path": "https://images.wired.it/wp-content/uploads/2015/10/1444813647_3.jpg", "is_video": false, "video_reference_id": null, "meta": { "links": { "gallery": "" } }, "photographer": "", "url_bollino": null, "orientation": "", "price": null },{ "ID":"102560", "title": "Cecità", "short_description": "", "long_description": "", "type": "Generica", "big_image_path": "https://images.wired.it/wp-content/uploads/2015/10/1444813655_4.jpg", "mid_image_path": "https://images.wired.it/wp-content/uploads/2015/10/1444813655_4.jpg", "thumb_image_path": "https://images.wired.it/wp-content/uploads/2015/10/1444813655_4.jpg", "is_video": false, "video_reference_id": null, "meta": { "links": { "gallery": "" } }, "photographer": "", "url_bollino": null, "orientation": "", "price": null },{ "ID":"102561", "title": "Sterilità", "short_description": "", "long_description": "", "type": "Generica", "big_image_path": "https://images.wired.it/wp-content/uploads/2015/10/1444813664_5.jpg", "mid_image_path": "https://images.wired.it/wp-content/uploads/2015/10/1444813664_5.jpg", "thumb_image_path": "https://images.wired.it/wp-content/uploads/2015/10/1444813664_5.jpg", "is_video": false, "video_reference_id": null, "meta": { "links": { "gallery": "" } }, "photographer": "", "url_bollino": null, "orientation": "", "price": null },{ "ID":"102562", "title": "Impotenza", "short_description": "", "long_description": "", "type": "Generica", "big_image_path": "https://images.wired.it/wp-content/uploads/2015/10/1444813671_6.jpg", "mid_image_path": "https://images.wired.it/wp-content/uploads/2015/10/1444813671_6.jpg", "thumb_image_path": "https://images.wired.it/wp-content/uploads/2015/10/1444813671_6.jpg", "is_video": false, "video_reference_id": null, "meta": { "links": { "gallery": "" } }, "photographer": "", "url_bollino": null, "orientation": "", "price": null },{ "ID":"102563", "title": "Cancro", "short_description": "", "long_description": "", "type": "Generica", "big_image_path": "https://images.wired.it/wp-content/uploads/2015/10/1444813678_7.jpg", "mid_image_path": "https://images.wired.it/wp-content/uploads/2015/10/1444813678_7.jpg", "thumb_image_path": "https://images.wired.it/wp-content/uploads/2015/10/1444813678_7.jpg", "is_video": false, "video_reference_id": null, "meta": { "links": { "gallery": "" } }, "photographer": "", "url_bollino": null, "orientation": "", "price": null },{ "ID":"102564", "title": "Cecità", "short_description": "", "long_description": "", "type": "Generica", "big_image_path": "https://images.wired.it/wp-content/uploads/2015/10/1444813685_8.jpg", "mid_image_path": "https://images.wired.it/wp-content/uploads/2015/10/1444813685_8.jpg", "thumb_image_path": "https://images.wired.it/wp-content/uploads/2015/10/1444813685_8.jpg", "is_video": false, "video_reference_id": null, "meta": { "links": { "gallery": "" } }, "photographer": "", "url_bollino": null, "orientation": "", "price": null },{ "ID":"102565", "title": "Denti e gengive", "short_description": "", "long_description": "", "type": "Generica", "big_image_path": "https://images.wired.it/wp-content/uploads/2015/10/1444813692_9.jpg", "mid_image_path": "https://images.wired.it/wp-content/uploads/2015/10/1444813692_9.jpg", "thumb_image_path": "https://images.wired.it/wp-content/uploads/2015/10/1444813692_9.jpg", "is_video": false, "video_reference_id": null, "meta": { "links": { "gallery": "" } }, "photographer": "", "url_bollino": null, "orientation": "", "price": null },{ "ID":"102566", "title": "Cancro", "short_description": "", "long_description": "", "type": "Generica", "big_image_path": "https://images.wired.it/wp-content/uploads/2015/10/1444813699_10.jpg", "mid_image_path": "https://images.wired.it/wp-content/uploads/2015/10/1444813699_10.jpg", "thumb_image_path": "https://images.wired.it/wp-content/uploads/2015/10/1444813699_10.jpg", "is_video": false, "video_reference_id": null, "meta": { "links": { "gallery": "" } }, "photographer": "", "url_bollino": null, "orientation": "", "price": null },{ "ID":"102567", "title": "Ictus", "short_description": "", "long_description": "", "type": "Generica", "big_image_path": "https://images.wired.it/wp-content/uploads/2015/10/1444813708_11.jpg", "mid_image_path": "https://images.wired.it/wp-content/uploads/2015/10/1444813708_11.jpg", "thumb_image_path": "https://images.wired.it/wp-content/uploads/2015/10/1444813708_11.jpg", "is_video": false, "video_reference_id": null, "meta": { "links": { "gallery": "" } }, "photographer": "", "url_bollino": null, "orientation": "", "price": null }], "related": [{ "ID":"197671", "title": "Chi sono i 9 fumettisti italiani candidati ad Angouléme 2018", "url": "https://www.wired.it/play/fumetti/2017/12/15/fumettisti-italiani-angouleme-2018/", "timeago": "9 h", "category_name": "Fumetti", "category_link": "https://www.wired.it/play/fumetti/", "author": null, "image_count": null, "gallery_id": null, "squared_image": { "source": "https://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/12/10215921/1512935961_GalleryAngouleme.jpg", "is_gif": false, "is_image": true, "attachment": { "id": 197675, "width": 960, "height": 394, "file": null, "sizes": { "q-139-139": { "width": 139, "height": 139, "url": "https://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/12/10215921/1512935961_GalleryAngouleme-307x307.jpg" } } } } },{ "ID":"197650", "title": "54 maglioni di Natale assurdi che puoi comprare davvero", "url": "https://www.wired.it/lifestyle/design/2017/12/15/54-maglioni-di-natale-assurdi/", "timeago": "13 h", "category_name": "Design", "category_link": "https://www.wired.it/lifestyle/design/", "author": null, "image_count": null, "gallery_id": null, "squared_image": { "source": "https://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/12/08200424/1512756263_MAglioni-natale.jpg", "is_gif": false, "is_image": true, "attachment": { "id": 197651, "width": 1050, "height": 590, "file": null, "sizes": { "q-139-139": { "width": 139, "height": 139, "url": "https://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/12/08200424/1512756263_MAglioni-natale-307x307.jpg" } } } } },{ "ID":"197667", "title": "I migliori giochi da tavolo da regalare a Natale", "url": "https://www.wired.it/gadget/accessori/2017/12/15/giochi-da-tavolo-da-regalare-a-natale/", "timeago": "13 h", "category_name": "Accessori", "category_link": "https://www.wired.it/gadget/accessori/", "author": null, "image_count": null, "gallery_id": null, "squared_image": { "source": "https://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/12/10201826/1512929904_Giochi-da-tavolo.jpg", "is_gif": false, "is_image": true, "attachment": { "id": 197668, "width": 1050, "height": 590, "file": null, "sizes": { "q-139-139": { "width": 139, "height": 139, "url": "https://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/12/10201826/1512929904_Giochi-da-tavolo-307x307.jpg" } } } } },{ "ID":"198292", "title": "Le più belle sculture di neve e di ghiaccio", "url": "https://www.wired.it/play/cultura/2017/12/15/sculture-neve-ghiaccio/", "timeago": "13 h", "category_name": "Cultura", "category_link": "https://www.wired.it/play/cultura/", "author": null, "image_count": null, "gallery_id": null, "squared_image": { "source": "https://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/12/15132223/1513336942_uff.jpg", "is_gif": false, "is_image": true, "attachment": { "id": 198296, "width": 1800, "height": 560, "file": null, "sizes": { "q-139-139": { "width": 139, "height": 139, "url": "https://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/12/15132223/1513336942_uff-307x307.jpg" } } } } }]};Sfoglia gallery11 immagini

Attacchi cardiaci

globalData.fldNumPhoto = '11';
Attacchi cardiaci
Attacchi cardiaci
Le cattive abitudini si imparano presto
Le cattive abitudini si imparano presto
Danni al feto
Danni al feto
Cecità
Cecità
Sterilità
Sterilità
Impotenza
Impotenza
Cancro
Cancro
Cecità
Cecità
Denti e gengive
Denti e gengive
Cancro
Cancro

Per capirlo, i ricercatori hanno chiesto a 441 adolescenti, di età compresa tra 11 e 17 anni, di fare acquisti in un negozio, provvisto di una parete completamente piena di pacchetti di sigarette. Alcuni dei giovani, che erano stati precedentemente intervistati per capire la loro propensione al fumo, sono stati poi esposti a un poster raffigurante una bocca devastata dal tabacco, affiancata a una scritta “il fumo causa il cancro”. Successivamente, ai ragazzi è stata fatta una serie di domande, inclusa quella sulla probabilità di iniziare a fumare in futuro. “Siamo rimasti estremamente sorpresi dal risultato”, spiega Shadel. “Per gli adolescenti che erano avevano mostrato già una propensione a fumare in futuro, la visualizzazione del poster ha aumentato il loro desiderio di fumare”. Invece per quelli classificati con un rischio più basso, e che non avevano mai provato una sigaretta, la vista del poster anti-fumo non ha influenzato l’atteggiamento nei confronti delle sigarette.

Una delle possibili spiegazioni, secondo i ricercatori, è che probabilmente gli adolescenti sono più predisposti a opporsi a quei messaggi che percepiscono come una sfida. “Se qualcuno sta cercando di comunicarti un messaggio, e quel messaggio sta minacciando in qualche modo la tua autostima, reagisci in modo opposto all’intento di quel messaggio”, conclude l’autore.
Per Shadel il messaggio che si può trarre dal suo lavoro è un invito per i genitori a parlare apertamente con i propri figli sui pericoli del fumo, prima che mettano piede in un tabaccheria, per affrontare il tema con serenità ed evitare che i messaggi anti-fumo si trasformino in una sfida e sortiscano un effetto contrario a quello voluto.

The post Le immagini sui pacchetti di sigarette non spingerebbero a non fumare appeared first on Wired.

wired.it - 1 giorno 22 ore fa

netneutrality

Anche se, incollati davanti allo streaming dell’agenzia governativa, la speranza di un utopistico colpo di scena (con la stessa probabilità di veder cambiare il finale di “Narcos”) c’è stata: la Federal Communications Commission ha votato come ci si aspettava che votasse, con tre voti su cinque favorevoli allo smantellamento della Net Neutrality. Al netto dei tweet, della vignette e delle battute (anche se c’è poco da ridere) e della commozione per le accorate parole dei due commissari contrari, Mignon Clyburn e  Jessica Rosenworcel, resta solo una domanda: e ora, che succede?

Il coro di voci contrarie alla caduta del regolamento introdotto nell’era Obama ha gridato unanime che questa era una battaglia, non la guerra.

Nell’immediato, la questione si sposterà nei tribunali: i gruppi di pressione come Free Press e altri si impunteranno contro la decisione della FCC, probabilmente adducendo ragioni di violazione delle leggi federali che impediscono all’Agenzia di introdurre regolamenti che possano favorire una certa arbitrarietà di comportamenti. La Net Neutrality è proprio quel principio giuridico che difende e garantisce un accesso ai servizi della rete egualitari, senza corsie preferenziali d’accesso per questo o quel contenuto, presso un pubblico specifico (di paganti per un’offerta privilegiata, per esempio). La neutralità della rete fa in modo che internet non venga suddiviso in pacchetti venduti a chi batte il prezzo più alto. Tutti i prodotti, con la neutralità della rete a regime, valgono allo stesso modo.

Una battaglia legale
Gli esperti legali da più parti stanno spiegando che, per quanto sia concesso alle Agenzie di invertire la rotta rispetto a decisioni antecedenti (in questo caso, quelle del 2015), non hanno certo carta bianca, perché è necessario che motivino adeguatamente le loro scelte. “Non possono mica dare per scontato che siano solo basate sulla politica”, spiega a Wired Marc Martin, dello studio Perkins Coie, riferendosi al fatto che il cambio di rotta è dettato dall’attuale Casa Bianca e che lo stesso presidente dell’agenzia, Ajit Pai, stesse da mesi lavorando per smantellare l’impianto, su indicazione di Donald Trump. Le argomentazioni della FCC si fondavano principalmente sull’idea che l’adesione alla neutralità della rete — sulla quale ora abdica ai suoi poteri, delegandoli al mercato — avesse in qualche modo ostacolato gli investimenti in infrastrutture della banda larga. 

Anche se Christopher Yoo, docente di Giurisprudenza all’Università della Pennsylvania, ritiene che le corti tendano ad appoggiare le agenzie, queste motivazioni sono tutte da dimostrare. Sempre Wired ha recentemente fatto emergere il contrario: gli investimenti non si sono affatto arenati e anzi, nei casi in cui le aziende hanno ridotto le spese, non hanno addotto alla net neutrality le ragioni della rinuncia.

Le consultazioni pubbliche
Nello scenario complessivo poi, c’è un’altra questione sul piatto. Come ricordato nel corso della seduta di ieri, in merito alla neutralità della rete la FCC aveva avviato una consultazione pubblica: sono stati oltre 22 milioni i commenti ricevuti, ed è stato dimostrato che molti fossero opera di bot pro-Trump. Il presidente Pai sosterrà che l’agenzia non ha tenuto conto dei commenti ripetitivi e di bassa qualità (quindi quelli dei bot, presumibilmente), ma non avendo ritenuto opportuno indagare oltre, bisognerà capire in che modo questi fatti possano influenzare i giudici.

C’è stato un lato oscuro di tutto questo nelle ultime settimane. Minacce e intimidazioni. Attacchi personali. Nazisti che esultano. L’influenza della Russia. Commenti falsi.  Cose inaccettabili, alcune sono illegali e devono essere rispinte”, ha detto la Clyburn nel suo discorso ieri in Commissione. “Ma ciò che non è accettabile, è il rifiuto della FCC di collaborare con le indagini del Procuratore Generale dello Stato, o consentire prove che smontino un risultato preordinato”.

I fornitori di rete, intanto, invitano a mantenere la calma. AT&T, Comcast e Verizon hanno promesso di non bloccare nessun tipo di contenuto. Resta però il fatto che la nuova regolamentazione li lasci liberi di dare più spazio e priorità ai propri contenuti, a dispetto di altri (visto che alcune di queste aziende controllano anche contenuti, l’ipotesi non è peregrina). Già adesso alcune TLC consentono ai propri clienti di superare il proprio traffico dati per usufruire di servizi tv in streaming, mentre altri no. Intanto Amazon, Netflix e Facebook si sono schierati contro il voto di ieri della Commissione. 

Un’Internet aperta è fondamentale per le nuove idee e le opportunità economiche e i fornitori non dovrebbero essere in grado di decidere che cosa le persone possono vedere online o caricare su determinati siti”, ha scritto la COO di Facebook, Sheryl Sandberg: “Siamo pronti a lavorare con membri del Congresso e altri per contribuire a rendere Internet gratuito e aperto a tutti”.

Chiara anche la posizione di Netflix:

We’re disappointed in the decision to gut #NetNeutrality protections that ushered in an unprecedented era of innovation, creativity & civic engagement. This is the beginning of a longer legal battle. Netflix stands w/ innovators, large & small, to oppose this misguided FCC order.

— Netflix US (@netflix) December 14, 2017


Anche il CTO di Amazon, Werner Vogels, si è detto “profondamente deluso”: “Continueremo a lavorare con i nostri colleghi, partner e clienti per trovare il modo di garantire un’Internet aperta e leale che possa continuare a guidare un’innovazione massiccia”.

I tribunali dovranno vedersela con questi giganti dei servizi online, tanto quanto le numerose advocacy che guideranno i lavori. Harold Feld, di Public Knowledge, ha raccomandato ai consumatori di tenere d’occhio l’atteggiamento degli Internet Provider, segnalando eventuali comportamenti di accessi prioritari o limitazioni tanto ai Dipartimenti di Giustizia quando alla Federal Trade Commition, per quanto non dispongano dei poteri adeguati, come in precedenza. 

Anche se il regolamento dell’FCC impedisce ai singoli Stati legiferare sulla libertà della rete, ritiene che valga comunque la pena combattere per l’adozione di interventi a livello statale. Sia Martin che Feld infatti, pensano che i tribunali potrebbero eliminare quella disposizione, pur sostenendo il resto del contenuto.

Today is a dark day. R.I.P American #NetNeutrality pic.twitter.com/qVm6vT8STA

— Heike (@RuigBeertje) December 15, 2017

Il ruolo del Congresso
In molti, comunque, puntano sul Congresso. La no-profit Fight For The Future, che sta coordinando la protesta, continua a fornire notizie aggiornate. Una delle ultime è che il senatore Edward J. Markey (D-Mass.), membro del Comitato Commercio, Scienza e Trasporti, al fianco di altri 15 senatori, ha annunciato un piano per introdurre una risoluzione del Congressional Review Act (CRA), che annullerebbe l’azione della FCC.

Anche lì però, la strada è in salita: sarebbe auspicabile una risoluzione comune del Congresso, ma servirebbe l’approvazione di Camera, Senato e Presidenza: tutti in mano ai repubblicani (non tutti contrari alla neutralità della rete, ma comunque non abbastanza). 

This fight isn’t over. #NetNeutrality

— Mr. Robot (@whoismrrobot) December 14, 2017

C’è chi già stava provando, come il senatore John Thune, a chiedere al Congresso una legislazione bipartisan. Un progetto che limitava i poteri della FCC esisteva già, nel 2015: non è mai andato avanti. Anche se la politica fa la sua parte — già gli esperti dicono che questa deriva potrebbe favorire i Democatrici nell’elettorato Millennial alla prossima tornata — i gruppi di difesa della libertà in rete non vedono di buon occhio una soluzione bicolore. “Non siamo interessati agli sforzi per raggiungere un compromesso congressuale spinto da molti nella lobby dei telefoni e dei cavi”, commenta il portavoce di Free Press, Timothy Karr. Non hanno molta fiducia nel risultato di una battaglia legislativa in un Congresso in cui i difensori della neutralità della rete sono nelle mani delle TelCo, dice. È più auspicabile, piuttosto, una battaglia sul lungo termine che porti la politica a regole più ferree che rispondano alle esigenze e volontà della popolazione.

The post Net Neutrality: e ora? La guerra prosegue in tribunale appeared first on Wired.

brand-news.it - 2 giorni 1 min fa

Ruolo di primo piano per i prodotti a marchio Conad, mentre diminuisce la pressione promozionale. Accordo con Enel per favorire la mobilità elettrica.

L'articolo Conad nel 2017 cresce oltre i 13 miliardi di euro di fatturato e nel 2018 incrementa gli investimenti pubblicitari del 3% a 38 milioni. Al via adv di Natale sembra essere il primo su Brand News.

brand-news.it - 2 giorni 7 min fa

Esselunga, insieme ad Armando Testa, porta in TV i suoi nuovi personaggi, che ricalcano le tipiche espressioni degli emoji

L'articolo Esselunga celebra il Natale con 60.000 spese in regalo e uno spot in animazione di Armando Testa sembra essere il primo su Brand News.

brand-news.it - 2 giorni 9 min fa

Ha preso il via ieri la terza edizione di Incipit Offresi, talent di scrittura che si svolge in Piemonte con un format a tappe in 12 appuntamenti da dicembre 2017 a maggio 2018.

L'articolo Coop e Lavazza sostengono Incipit Offresi, talent per aspiranti scrittori che valorizza la lettura sembra essere il primo su Brand News.

brand-news.it - 2 giorni 11 min fa

Metro Italia Cash and Carry ha deciso di affidarsi alla community di filmmaker Userfarm per la realizzazione di video che avessero come protagonista i suoi cesti di Natale.

L'articolo Metro Italia Cash sceglie la community di Userfarm e promuove con quattro video i cesti di Natale sembra essere il primo su Brand News.

brand-news.it - 2 giorni 14 min fa

Sarebbero quasi 594 milioni – e non oltre 800 milioni come dichiarato dal social – gli utenti che nel 2017 in tutto il mondo usano almeno una vola al mese Instagram

L'articolo eMarketer dedica il suo primo forecast mondiale a Instagram e ne riduce la base utenti sembra essere il primo su Brand News.