In caricamento...

News

“Essere sempre tra i primi e sapere, ecco ciò che conta”
Non solo news dal mondo Vittoria ma storie di branding, marketing e comunicazione online e offline.

wired.it - 8 ore 8 min fa
WhatsAppWhatsApp

Lo facevano già Google Maps e soprattutto Messenger di Facebook: e proprio da lì prende ispirazione la nuova funzione lanciata ufficialmente da WhatsApp, cioè “posizione attuale”. Sarà il modo per dire a qualcuno dove ci si trova, sia per raggiungere un gruppo di persone, o comunicare quanto tempo ci vorrà per raggiungere una destinazione.

Per usare la funzione, basta aprire una chat (individuale, o di gruppo) e toccare l’icona per gli allegati. Alla voce “Posizione” comparirà l’opzione “Condividi posizione attuale”. A quel punto, si può scegliere per quanto tempo  condividere la propria posizione attuale. Se più di una persona condivide la propria posizione attuale all’interno di un gruppo, tutte le posizioni saranno visibili sulla stessa mappa. Si può decidere di interrompere la condivisione in qualsiasi momento (o, in alternativa, attendere che il tempo impostato scada).

Sarà disponibile sia su Android che su iPhone, e verrà rilasciata all’interno dell’applicazione nelle prossime settimane e sarà crittografata end-to-end.

The post Ora su WhatsApp è possibile condividere la propria posizione in tempo reale appeared first on Wired.

brand-news.it - 8 ore 11 min fa

Richard Willis, Director Digital Marketing EuRoMEA di Mattel, ha raccontato al Marketing Global Summit 2017 di TEH-Ambrosetti il percorso dell’azienda

L'articolo Mattel verso l’era post TV. Il mobile si mangerà tutto, le notifiche sono il nuovo campo di battaglia sembra essere il primo su Brand News.

brand-news.it - 8 ore 16 min fa

Kind Snacks ha avviato il progetto Empatico, iniziativa che ha l’ambizione di facilitare le interazioni tra bambini di ogni parte del mondo

L'articolo Kind Snacks investe 20 milioni di $ nel progetto Empatico, strumento didattico che allarga gli orizzonti dei bambini  sembra essere il primo su Brand News.

wired.it - 8 ore 21 min fa
 Banca d'Italia)(Foto: Banca d’Italia)

Con una mozione approvata ieri alla Camera il Pd ha chiesto che non venga rinnovato ad Ignazio Visco il mandato di governatore della Banca d’Italia, in scadenza alla fine del mese.

Le cause del malcontento sono da ricercare nelle attività di vigilanza che per il Pd, negli ultimi anni almeno, si sono dimostrate fragili e perfettibili proprio nel periodo in cui la crisi del settore bancario si è manifestata in modo più violento, mettendo in forse il futuro di istituti di credito quali Banca Popolare di Vicenza, Carige e Monte dei Paschi.

Ignazio Visco ha assunto la direzione di Banca d’Italia nel 2011 che, negli anni a seguire, è stata spesso additata di non essere intervenuta con fermezza e puntualità. Il Pd chiede quindi che la guida sia affidata a una figura più adatta che possa rinnovare la fiducia e portare i cambiamenti necessari.

Dietro a questa ribellione, secondo alcuni media, ci sarebbe l’ex premier Matteo Renzi il quale, nel libro Avanti, non ha risparmiato critiche al governatorato che ha caldeggiato la fusione di istituti di credito sofferenti che si è poi rilevata essere disastrosa, come nel caso di Banca Etruria spinta a unirsi alla Popolare di Vicenza, già in pessime acque.

La proposta del Pd ha suscitato critiche da tutti gli ambienti, non solo politici. Alle voci del presidente della Repubblica Sergio Mattarella e dal leader di Articolo 1 Pierluigi Bersani, entrambi convinti che sia necessario agire con calma per salvaguardare l’interesse di tutto il Paese.

L’articolo 19 comma 8 della legge 262 del 28 dicembre 2005 assegna al presidente del Consiglio dei ministri il compito di proporre al presidente della Repubblica il nome del governatore della Banca d’Italia. Da quel momento in poi la politica non dovrebbe più interferire con la banca centrale italiana la quale, in realtà, è già chiamata ad assoggettarsi alle politiche adottate dalla Banca centrale europea (Bce). Durante l’estate del 2015, l’allora premier Matteo Renzi ha conferito alla Banca d’Italia dei poteri straordinari come quello di sostituire i consigli di amministrazione delle banche. Il Pd risulta quindi insoddisfatto di come Ignazio Visco ha fatto uso di queste possibilità eccezionali che, peraltro, i vertici che si sono susseguiti in via Nazionale richiedevano con insistenza già da diversi anni.

 

 

The post Perché il Pd si sta scontrando con la Banca d’Italia appeared first on Wired.

brand-news.it - 8 ore 22 min fa

E’ nata sull’onda delle app anonime ma ha messo al bando cinismo e cattiverie l’app Tbh, che sta per ‘To be honest’, appena acquisita da Facebook.

L'articolo Facebook acquisisce l’app Tbh per mandare messaggi anonimi ma positivi sembra essere il primo su Brand News.

wired.it - 8 ore 24 min fa
 Microsoft)(Foto: Microsoft)

Microsoft ne ha parlato tanto nei mesi scorsi, ma finalmente ora è disponibile: è il Fall Creators Update, l’ultimo grande aggiornamento di Windows 10 in ordine di tempo, che a partire da queste ore porterà sui PC compatibili diverse migliorie e nuove funzionalità. Con l’arrivo del pacchetto farà innanzitutto il suo debutto il fluent design, il nuovo formato grafico che con il tempo e ulteriori aggiornamenti rinnoverà completamente l’interfaccia di Windows. In questa prima fase, dunque, la novità non sarà particolarmente appariscente, ma in futuro cambierà volto al sistema operativo.

Con l’aggiornamento arriva inoltre un supporto deciso alle applicazioni per la creazione di contenuti 3D e per la loro visualizzazione in realtà mista. Paint 3D arriva di serie a sostituire il vecchio Paint e permetterà di inserire oggetti tridimensionali all’interno delle altre app Microsoft.

 Microsoft)(Foto: Microsoft)

Da questo punto di vista il Fall Creators Update fa anche di più, dal momento che introduce il supporto ai visori di realtà virtuale prodotti dai partner Microsoft che finalmente saranno messi in commercio a prezzi di partenza di 399 dollari. Tramite questi accessori sui computer sufficientemente potenti si potranno visualizzare esperienze e giochi VR acquistabili direttamente dal Windows Store o da Steam.

 Microsoft)(Foto: Microsoft)

Migliora inoltre il servizio di streaming dedicato ai videogiocatori Remix; si rinnova la tastiera, che permette di scrivere tramite swipe utilizzando solo il pollice in un’area compatta dello schermo; viene finalmente introdotto l’hub dedicato ai contatti interpellati più frequentemente; si aggiorna l’app Foto, che ora permette di creare delle videostorie degli album selezionati, permette di aggiungere effetti ed elementi 3D alle composizioni e si dota del riconoscimento automatico dei gli elementi negli scatti.

 Microsoft)(Foto: Microsoft)

Con l’arrivo del Fall Creators Update, Microsoft ha annunciato infine anche una nuova versione del suo 2 in 1 Surface Book.

Ci sono voluti due anni perché l’originale avesse un successore; quest’ultimo sarà sul mercato dal 16 novembre (negli Stati Uniti) con gli ultimi processori Intel Core, display da 13,5 o da 16 pollici, e schede grafiche Nvidia GeForce.

The post Windows 10, il Fall Creators Update si può finalmente scaricare appeared first on Wired.

brand-news.it - 8 ore 30 min fa

Con Spike la concessionaria guidata da Paolo Romano completa il portfolio rafforzandosi in particolare sul segmento maschile

L'articolo Paolo Romano (Viacom Pubblicità): “Spike complementare ad Alpha. Il portfolio vale 4% di share” sembra essere il primo su Brand News.

wired.it - 8 ore 30 min fa

 Huawei)

    (Foto: Huawei)

Non ci sono solo Mate 10, Mate 10 Pro e Porsche Design tra gli smartphone sui quali Huawei ha intenzione di puntare nei prossimi mesi. Il gruppo cinese sta infatti preparando in queste ore l’arrivo in Europa anche di Mate 10 Lite, un telefono che come suggerisce il nome affiancherà i due telefoni che a Monaco si sono presi tutte le attenzioni. Dotato di un interessante display da 5,9 pollici Full HD in 18:9, il Lite per il resto manca delle principali caratteristiche che vantano i due fratelli maggiori. In particolare, l’avanzato processore Kirin 970 con le sue due unità di elaborazione neurale incorporate qui è sostituito da un Kirin 659 più attento al risparmio energetico ma meno potente; la doppia fotocamera posteriore inoltre non è la stessa unità da 16+20 megapixel firmata da Leica, ma una meno entusiasmante accoppiata di sensori da 16 e 2 megapixel.

A questi però se ne aggiungono altri due da 13+2 megapixel sul lato frontale, per un totale di quattro fotocamere che non molti avversari possono vantare. A questi si aggiungono 4 GB di RAM e 64 GB espandibili tramite schede microSD per lo stoccaggio dei dati, uno slot ibrido per una eventuale seconda SIM e una batteria da 3340 mAh.

Il pacchetto non promette male, considerato che in Italia sarà messo in commercio al prezzo di 349 euro, arricchendo un’offerta di schermi 18:9 che finalmente, anche grazie agli sforzi di case come LG e Wiko, sta iniziando a farsi competitiva anche sulle fasce di prezzo più abbordabili.

The post Huawei Mate 10, c’è anche una versione Lite appeared first on Wired.