In caricamento...

News

“Essere sempre tra i primi e sapere, ecco ciò che conta”
Non solo news dal mondo Vittoria ma storie di branding, marketing e comunicazione online e offline.

brand-news.it - 1 giorno 10 ore fa

Tra svariate decine di seminari e alcuni tra i premi già consegnati, il brand activism è uno degli argomenti caldi di questi Cannes Lions

L'articolo Il brand activism non è per tutti ma si può imparare. Le esperienze di The Body Shop, Knorr, Danone, Tony’s Chocolonely proviene da Brand News.

wired.it - 1 giorno 10 ore fa
Palm(Foto: TCL)

C’è un nuovo mini smartphone che si affaccia sull’orizzonte europeo e porta con sé un marchio storico come quello di Palm. Grande quanto un portachiavi (il display è di appena 3,3 pollici), conta su un hardware completo e bilanciato per le micro dimensioni, ma non viene certo via a buon prezzo.

Il minuscolo dispositivo segna il ritorno di un brand che nei primordi dell’era dei cellulari intelligenti aveva rivestito un ruolo di prima importanza, ma che poi era naufragato dopo una serie di progetti mai decollati. Dopo essere stato acquistato dal conglomerato cinese TCL (che è dietro anche ad Alcatel), la marca americana prima proprietà di HP è pronta a affrontare una seconda vita.

Il mini smartphone Palm aveva debuttato negli Usa con l’operatore Verizon a 349,99 dollari (313 euro) come telefono “companion” dello smartphone ossia che dipendeva dal collegamento con lo smartphone ufficiale fungendo da disintossicante per chi spendeva troppo tempo con gli occhi sul touchscreen. La nuova versione abbandona questa visione diventando uno cellulare indipendente, tra i più piccoli mai visto con a bordo Android visto che misura 50.6 x 96.6 x 7.4mm per un peso di appena 62,5 grammi.

La diagonale di schermo è di 3,3 pollici (il modello cinese Melrose S9 scende fino a 2,5 pollici) a risoluzione hd con una ottima densità di 445 pixel per pollice quadrato, si avvale di un processore Snapdragon 435 con 3 gb di ram e 32 gb di memoria interna, è alimentato da una batteria da 800 mAh (ricarica del 50% in mezzora e del 100% in 68 minuti) che dura un giorno in uso normale ed è governato dal sistema operativo Android 8.1 Oreo.

Palm(Foto: TCL)

C’è una fotocamera da 12 megapixel con flash sul retro e una da 8 megapixel sul fronte che può anche sbloccare il dispositivo riconoscendo il volto. La scocca è protetta da vetro Gorilla Glass su fronte e retro con chassis in alluminio e l’apprezzata certificazione ip68 per non temere acqua né polvere.

Si affaccia sul mercato europeo grazie alle divisioni Vodafone in Germania, Regno Unito e Spagna con offerte in abbonamento oppure a prezzo pieno di ben 451 euro verosimilmente dunque aperto anche all’uso di sim italiane. Certo, il prezzo europeo è abbastanza alto, ma per chi cerca uno smartphone piccolissimo che però possa garantire un’esperienza completa è la soluzione migliore.

The post Palm ritorna con uno smartphone mini (ma caro) appeared first on Wired.

brand-news.it - 1 giorno 11 ore fa

Accrescere rapidamente la sicurezza negli ambienti digital, cercando di ridurre i contenuti d’odio, pericolosi e le fake news: è lo scopo con cui ieri a Cannes Lions è stata lanciata la Global Alliance for Responsible Media.

L'articolo Dalla collaborazione tra big spender, agenzie, publisher e piattaforme nasce la Global Alliance for Responsible Media proviene da Brand News.

brand-news.it - 1 giorno 11 ore fa

Regione Lazio apre gara per la comunicazione del PSR 2014-2010. Le attività richieste vanno dalla creatività per le campagne, alla pianificazione spazi, organizzazione di incontri ed eventi seminariali, produzione/adattamenti video

L'articolo Regione Lazio apre gara per la creatività, pianificazione e BTL del PSR 2014-2010. Budget 426mila € proviene da Brand News.

brand-news.it - 1 giorno 11 ore fa

Nove shortlist di cui otto di Publicis Italy per Heineken e Diesel e una per FCB Milan per Continental

L'articolo Cannes Lions, day 3. Nove shortlist per l’Italia nei Film e Brand Experience & Activation proviene da Brand News.

wired.it - 1 giorno 11 ore fa
http://www.youtube.com/watch?v=F7ChJA5tUfM

Mancano un paio di settimane all’arrivo della nuova pellicola del Marvel Cinematic Universe dopo Avengers: Endgame: si tratta di Spider-Man: Far from Home, il nuovo capitolo delle avventure soliste del Peter Parker interpretato da Tom Holland. Come già compreso in precedenti anticipazioni, il giovane eroe sarà reclutato da Nick Fury (Samuel L Jackson) mentre è in gita in Europa, per sventare una nuova furiosa minaccia rappresentata dagli Elementali. Ma un nnuovo spot internazionale ci rivela molto di più.

Innanzitutto sembra che il nuovo film introdurrà ufficialmente il multiverso: vediamo infatti Mysterio, l’ambiguo personaggio interpretato da Jake Gyllenhaal, spiegare che il suo pianeta, a quanto parte una versione alternativa della Terra, è stato distrutto proprio dagli Elementali, costringendolo ad arrivare nella nostra dimensione (quella che chiameremmo Terra-616) per evitare che accada lo stesso. Sappiamo dai fumetti, però, che questo personaggio è uno dei villain più acerrimi di Spider-Man, dunque il suo resoconto dei fatti potrebbe essere piuttosto tendenziosa.

Un altro elemento che stupisce in questa clip è come Nick Fury spiega la scelta ricaduta sull’Uomo ragno: “Thor?” “Nello spazio“; “Doctor Strange?” “Non disponibile“; “Captain Marvel?” “Non osare nominarla“. Sembra che, fra tutti gli Avenger, Peter sia rimasto l’ultimo disponibile a salvare la Terra: c’è dunque chi ipotizza che questo film potrebbe gettare le basi verso la formazione di un nuovo team di supereroi, magari dai componenti più giovani, che porterà avanti le sorti del Marvel Cinematic Universe. Sono tutte ipotesi, ovviamente, e le uniche conferme arriveranno quando la pellicola debutterà nelle sale italiane dal 10 luglio prossimo.

The post Spider-Man: Far from Home, un nuovo spot sulle origini di Mysterio (e sulla fine degli Avengers) appeared first on Wired.

wired.it - 1 giorno 11 ore fa
Prima prova maturità 2019Giuseppe Ungaretti (1888-1970) ritratto negli anni Quaranta (foto: Mondadori Portfolio)

Ogni mio momento
io l’ho vissuto
un’altra volta
in un’epoca fonda
fuori di me

Sono lontano colla mia memoria
dietro a quelle vite perse

Mi desto in un bagno
di care cose consuete
sorpreso
e raddolcito

Rincorro le nuvole
che si sciolgono dolcemente
cogli occhi attenti
e mi rammento
di qualche amico
morto

Ma Dio cos’è?

E la creatura
atterrita
sbarra gli occhi
e accoglie
gocciole di stelle
e la pianura muta

E si sente
riavere.

Risvegli fa parte di un’opera centrale della produzione di Giuseppe Ungaretti: la sua raccolta più famosa, L’Allegria. È stata pubblicata nella sua edizione definitiva del 1931, all’interno della sezione denominata Il porto sepolto. Oggi gli studenti delle scuole superiori impegnati nella maturità ritrovano questa poesia nella prima prova, come protagonista della traccia di analisi del testo poetico.

È lo stesso Ungaretti, nella “Nota introduttiva” dell’Allegria, a indicare nella sua produzione poetica un tentativo di condividere la “fraternità degli uomini nella sofferenza”: Risvegli, composta nel 1916, negli anni in cui il poeta nato ad Alessandria d’Egitto si trovava nelle trincee della Prima guerra mondiale, può essere letta come una profonda dissertazione sul proprio io, sugli uomini e sull’universo, in cui il poeta si lascia trasportare da una dimensione a metà tra l’onirico e il ricordo per comunicare – e soprattutto: scoprire – un senso più alto.

L’esperienza della guerra è per Ungaretti uno stimolo a interrogarsi figurandosi in una dimensione altra, lontana dalle bombe e dalla miseria delle trincee, una “epoca fonda” che rappresenta l’obiettivo esterno di una ricerca che, però, è tutta interiore al poeta, il quale ricorda di aver vissuto altre vite per accedere a quel “porto sepolto” che è la parte inconoscibile per definizione dell’animo umano.

The post La storia di “Risvegli”, la poesia di Ungaretti uscita alla maturità appeared first on Wired.

wired.it - 1 giorno 12 ore fa

Cambia il modo di avvicinarsi al mondo dei pagamenti: la moneta diventa sempre più smart, gli sportelli automatici funzionano anche senza carta e i negozi possono essere riprodotti in tutto e per tutto con la realtà virtuale, per poter fare acquisti ovunque nel mondo. Per studiare come il digitale sta influenzando il mondo dei pagamenti, Mastercard ha organizzato a Milano, in collaborazione con Wired, l’edizione 2019 del Mastercard Innovation Forum (Mif) che porta sulla scena le migliori tecnologie del settore. L’appuntamento è per mercoledì 19 giugno all’HangarBicocca, un luogo simbolo del capoluogo lombardo: volto dell’industria milanese per decenni, il sito è stato riconvertito ed è ora un punto di riferimento ed espressione architettonica per l’arte contemporanea e postindustriale. Ma sarà anche possibile seguire l’evento in streaming, qui sul sito di Wired e in diretta su Facebook.

Il tema al centro del Mastercard Innovation Forum 2019 è Trusted Life Connections e l’obiettivo della multinazionale leader nel settore dei pagamenti è approfondire, nel corso dell’evento, l’impatto avuto dalla rivoluzione digitale sull’industria delle transazioni elettroniche e digitali. Importante, inoltre, il focus sulle città del futuro, sempre più inclusive e smart: Mastercard, in quanto abilitatore di esperienze d’acquisto sicure, veloci e innovative, vuole rendere la vita quotidiana dei consumatori ancora più semplice.

Durante la mattinata di lavori, gli speaker di Mastercard e gli ospiti dell’evento si confronteranno sul futuro del mondo dei pagamenti, del digital e dello smart living. Insieme a Mastercard, l’archistar Stefano Boeri, presidente della Triennale e “padre” del Bosco Verticale, la fashion tech designer Anouk Wipprecht e l’imprenditrice italiana Giulia Baccarin. Tante voci sul palco per condividere i cambiamenti dell’ambiente digitale e connesso; per comprendere come si muoveranno i cittadini nelle metropoli del futuro e per valutare l’impatto sul mondo delle aziende della digitalizzazione dei servizi e dei prodotti finanziari.

The post La diretta dal Mastercard Innovation Forum di Milano appeared first on Wired.